Eoliè 22 - Arte, Letteratura e Società Eccellenza Talento e Merito

Eoliè 22 - Arte, Letteratura e Società Eccellenza Talento e Merito

  • €20,00
    Prezzo unitario per 
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Ne sono rimasti solo 50 !

Chiostro normanno benedettino – Acropoli di Lipari Isole Eolie 16 luglio – 16 agosto 2022

Progetto a cura di Francesco Malfitano, Associazione Culturale Un Sanpietrino

Nel 2021 ci siamo incontrati sul tema “un sospiro di ripartenza”. Tutto era fermo dopo anni di Covid, e forse anche le menti si erano un po’ atrofizzate.

Oggi, 2022, abbiamo scelto l’eccellenza, il talento e il merito come termini capaci di trainare una ripartenza e innescare un dialogo costruttivo.
Quest’anno siamo stati risvegliati da una guerra vicina e mai lontanamente paventata, che ci riporta alla realtà più cruda, che speravamo di non conoscere, e che invece, ciclicamente, si ripresenta; una guerra che credevamo fosse soltanto oggetto di studio sui libri di storia, ed invece no. Una guerra che chiede innanzitutto all’occidente di riscoprire la propria identità culturale, per poter dialogare e costruire ponti.
Crediamo che lasciarci provocare dal tema eccellenza possa stimolare un processo di conoscenza, possa concederci un abbrivio di ripartenza, che possa trainare i nostri desideri più nobili, squarciare una realtà spesso insopportabile, ciclica, che si ripete giorno dopo giorno, a causa proprio di una mancanza di coscienza. Che cos’è allora un’eccellenza, cosa significa? L’etimologia di eccellenza, ex-cellere, letteralmente “spingere fuori”, ci regala immediatamente una prima risposta. Come spesso accade, quando si è curiosi del significato profondo di ogni parola che abitualmente utilizziamo, restiamo totalmente ammaliati dalla sua bellezza. L’eccellenza è qualcosa che permette a qualcuno di spingere, di tirare fuori ciò che desidera, ciò che è; assolutamente legata al termine talento, e cioè un’inclinazione, una dote che si ha, l’eccellenza è come un percorso che permette di scoprire ciò che si è. È un tema fondamentale da affrontare, un tema che conduce su una strada, talvolta faticosa, ma necessaria per svelare il proprio volto, per mettere a frutto i propri talenti, ciò per cui si è nati, per tradurre in significato una realtà che ci appare troppo spesso enigmatica. Perché, sono certo, per ognuno di noi sapere perché si è nati fa la differenza, pone maggiore chiarezza nel percorso che si intraprende. E il merito che ruolo ha? Tutta l’eccellenza è meritevole? Lasciamo aperta questa domanda, con la speranza che lungo il percorso della mostra possa trovare risposta. Ritrovarci anche quest’anno all’interno del Chiostro Normanno Benedettino dell’anno mille, pieno di speranza, di significato, che ha dato i natali di una ripartenza, allora come oggi, qui a Lipari, non è un caso. Quello che accade non è mai un caso, ha sempre un significato. Osservare i capitelli di questo chiostro, davvero fantasiosi, come ogni altro dettaglio, e immaginare come i benedettini, mille anni fa, abbiano costruito questo luogo per lavorare, studiare, pregare e meditare, e lo abbiano costruito avvalendosi di tutti i pezzi e gli oggetti abbandonati e distrutti sull’isola, è un processo straordinario. La capacità di abbracciare tutti i “rottami”, tutte le rovine, tutti i peccati, i limiti di ognuno, con uno sguardo di insieme per costruire questo luogo, certamente sacro, vuole essere oggi monito e provocazione per un percorso, perlomeno dialettico e di dialogo tra presente e storia, tra archeologia e arte contemporanea, tra artisti, ospiti e spettatori. E così abbiamo invitato all’evento otto artisti, che con le loro opere e installazioni ci provocano ad un orizzonte ultimo più appassionante. 

Ernesto Lamagna, Irene Lanza, Guido Airoldi, Davide Frisoni, Alessandro La Motta, Valentina De Martini, Francesco Pessina, Nicolò Morales, Miriam Palma, Davide Rondoni, Carmelo Travia.

Collana: NFC Edizioni
Formato: 17x24 cm
Pagine: 48
Lingua: italiano
Prezzo: € 20,00
ISBN: 9788867263646


Ti consigliamo anche